Home Cultura Florence Swing Camp. Per tre giorni balli, musica ed esibizioni in città

Florence Swing Camp. Per tre giorni balli, musica ed esibizioni in città

183
0
SHARE

Per tre giorni Firenze capitale internazionale dello swing. È questo quello che succederà dal 24 al 27 gennaio  con la terza edizione del Florence Swing Camp, appuntamento organizzato da Tuballoswing, con il patrocinio del Comune di Firenze, che richiama nel capoluogo toscano persone di tutte le età per ballare Lindy Hop e Solo Jazz.

Lezioni, show e tanto altro Il Florence Swing Camp è un intero weekend di lezioni, esibizioni, show, musica dal vivo e notti di social dance con insegnanti internazionali, special guest e band europee di altissimo livello. Luogo delle lezioni la sede di Tuballo: il “Renny – Renassance Firenze”. «In Europa sono tantissimi i festival di questo genere e – spiegano Antonio del Villano presidente e Giulia Fantini direttrice artistica di Tuballoswing – la partecipazione a questo genere di eventi è ciò che ci ha fatto appassionare a questo bellissimo mondo, ed è cosi che desideriamo far entusiasmare la comunità toscana. Vogliamo creare un connubio con la città che sia sempre più stretto e intrinsecamente vivo con essa. Ci sono delle location che mantengono ancora una atmosfera unica e l’FSC può essere un modo particolare per mostrarli e farle vivere ad un pubblico appassionato di cultura, storia, musica e ballo».

SwingEra Caratteristica unica del Camp, esclusiva in Italia, sarà la realizzazione di uno show che si terrà nella serata conclusiva del festival dove insegnanti internazionali professionisti si esibiranno e prepareranno gli studenti per renderli con loro protagonisti sul palco dopo solo due giorni di lezioni. Non solo un’occasione per chi è già appassionato ma anche per chi è curioso della SwingEra che potrà godere di spettacoli, concerti e performance danzanti. Oltre agli insegnanti italiani saranno a Firenze, dall’inghilterra Michaela Delmonte, dalla Francia Mélanie Ohl e Hugo Marty, dall’Australia Benjamin Cook, dalla Lituania Martynas Stonys e Elze Visnevskyte, mentre dalla Svezia la pattuglia più nutrita: Elin RHodiner, Jessica Soetterman, Hanna Lundmark, Mattias Lundmark, Anders Sihlberg, Markus Rosendal. Musica affidata alla Madrid “Hot Jazz Band”, oltre che da Torino Mr Rhythm e Alessandro Muner, e da Roma AleG. Dress code, naturalmente, ‘vintage elegant’

«Riportare jazz e swing in una dimensione sociale» «Tuballoswing – spiega il presidente  Del Villano – è un’associazione culturale e scuola di ballo che nasce nel 2010 per diffondere la potenza e l’eleganza del ballo e della musica Swing, proporre iniziative e condividere una passione. L’intento principale è quello di riportare i balli di età Jazz e Swing in una dimensione sociale, divertente, più aperta alla città e al territorio. Insomma, il ballo diventa un mezzo per favorire l’incontro e l’aggregazione tra appassionati degli anni della “Grande Era” e farli rivivere nella Firenze contemporanea. È nata come qualcosa aperta a tutti, fin dal nome che sta per “TUtti possono BALLare SWING!». La scuola è animata da un gruppo di giovani ma esperti insegnanti, Antonio Del Villano, Giulia Fantini (direttrice artistica), Antonio Cribari, Elisa Cangini, Roberta Di Placido, Luca Baldini, Eleonora Fantechi, Federico Matteuzzi, Alessandra Vernice, Andrea Abrignani, Filippo Giuntoli, Martina Pacini, Eva Agostinelli, Mya Fracassini, Francesco Gori e si può imparare a suonare e ballare Lindy Hop, Boogie Woogie, Charleston, Authentic Jazz, Tap dance e Blues.