Home Economia & Finanza Dilemma banche. Mps, Quiriconi (Fisac Cgil): «No ad altri colpi di scena,...

Dilemma banche. Mps, Quiriconi (Fisac Cgil): «No ad altri colpi di scena, preoccupa l’andamento dello spread»

555
0
SHARE

«Una vertenza complessa che chiediamo non proponga ulteriori colpi di scena rispetto ai piani industriali presentati susseguenti ad eventuali interventi sulla Governance, dopo un percorso concordato che deve avere al centro comunque l’unitarietà dell’azienda attraverso un confronto di merito con le organizzazioni sindacali». Così il segretario generale di Fisac Cgil Toscana Daniele Quiriconi in merito alle vicende di Banca Mps intervenendo a Siena al nono Congresso della Fisac Cgil Toscana

«Preoccupa l’andamento dello spread» «C’è stato un piano straordinario di tagli concordato con le autorità monetarie e politiche europee fatto di 4.800 esuberi – 3mila già realizzati – e 600 chiusure di sportelli – di fatto 500 già effettuate». Il segretario della Fisac Cgil Toscana nella sua relazione ha toccato anche il tema della Manovra del Governo e dei rischi per lo spread: «Difficile dire cosa determinerà una Manovra di Bilancio che va incontro agli strali delle autorità europee: preoccupano l’andamento dello spread e alcune misure demagogiche verso le banche contenute nel Def come la riduzione di 14 punti della deducibilità degli interessi passivi o quella delle svalutazioni spalmate su più anni. Certo ci attendiamo un restringimento del credito e un aumento degli interessi per le famiglie. Diciamo questo perché, in autonomia, ci sentiamo liberi di valutare le scelte di questo Governo come abbiamo fatto in precedenza».

In 4 anni in Toscana 300 sportelli chiusi, 4mila lavoratori in meno Nel periodo intercorso tra il congresso del 2014 ad oggi, il settore bancario ha assistito alla più grande riorganizzazione della sua storia, per effetto della crisi finanziaria e del default di alcuni istituti, per i salvataggi pubblici e privati, per i processi di concentrazione e di digitalizzazione che hanno impattato su occupazione, sportelli, servizi per i cittadini. In 4 anni in Toscana 300 sportelli chiusi, 4mila lavoratori in meno (10mila dal 2008), impieghi che sono passati da 98,9 miliardi del giugno 2014 ai 91,5 miliardi del Giugno 2018 (erano 120 miliardi nel 2010). Sulla base di questi numeri, Quiriconi ha ricordato l’impegno per salvaguardare occupazione e servizi nel settore: «La Toscana è stata l’epicentro del collasso e del riassetto del sistema bancario: Etruria, MPS, BpVi, le Casse locali, Volterra, San Miniato e altre, con le loro ristrutturazioni, i salvataggi tardivi, i conflitti generati tra risparmiatori e lavoratori sui territori. E, lo abbiamo detto e scritto più volte, sportelli chiusi e posti di lavoro persi, intere comunità periferiche abbandonate senza agenzie o bancomat e al più… con la banca dei tabaccai. E in una temperie difficilissima, nel corso della quale sono state travolte anche le società di confidi, le finanziarie regionali, le piccole agenzie di assicurazioni, noi siamo riusciti a difendere l’occupazione, dare prospettiva e, con gli accordi e la contrattazione, come è stato recentemente fatto per il passaggio dei lavoratori da Fidi Toscana a S.T. e prima ancora per i lavoratori di piccole aziende assorbite in Assicoop, a mantenere anche l’Articolo 18 ben prima che la sentenza della Corte ne spazzasse via una parte. Intendiamoci, ne più ne meno di ciò che si doveva fare, ma non è stato semplice. Siamo stati mossi anche dall’idea che fosse necessario fare sistema: dai lavoratori ai consumatori, dai cittadini alle istituzioni locali e da qui l’accordo con la Regione Toscana con l’istituzione del tavolo di monitoraggio della crisi nel periodo più drammatico del settore».