Home Cronaca La Maremma in fiamme. I sindaci chiedono l’invio dell’Esercito: «E’ dolo organizzato»

La Maremma in fiamme. I sindaci chiedono l’invio dell’Esercito: «E’ dolo organizzato»

1759
0
SHARE

«Dietro questi incendi c’è un disegno preciso, una volontà organizzata di dolo. Si vuole colpire la Maremma, ci sono troppe coincidenze strane». A lanciare l’allarme è il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna durante un vertice insieme al Prefetto Cinzia Torraco, al Questore Domenico Ponziani al quale era presente anche il sindaco di Capalbio, Luigi Bellumori. Collegata in videoconferenza anche l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni.

Fiora – MyFiora – Pagamenti

«L’esercito nelle strade è la cosa migliore» «Credo che ci sia una criminalità organizzata che voglia minare la nostra tranquillità, danneggiando il nostro sistema turistico ed economico – ha spiegato Vivarelli Colonna -. Siamo sotto attacco e quindi bisogna rispondere come in una guerra. Ecco perché l’esercito nelle strade è la cosa migliore». Vivarelli Colonna insieme agli altri sindaci hanno chiesto in modo ufficiale l’impiego dell’esercito. I militari dovrebbero così ad andare ad integrare la presenza sul territorio per garantire più presidi e più sicurezza.

Marina di Grosseto di nuovo in fiamme Un altro violento incendio, intanto, ha preso vigore a Marina di Grosseto e sta interessando in questo momento la pineta. Nella zona di Fiumara le fiamme hanno attaccato un parcheggio e almeno cinque auto. Due squadre dei vigili del fuoco sono sul posto ed è stato fatto intervenire l’elicottero della Regione Toscana. Appena ieri Marina di Grosseto è stata attaccata da un forte incendio che ha raggiunto le case e distrutto le auto in sosta nell’abitato. Da stanotte operai del Comune erano al lavoro per ripristinare l’area colpita con operazioni di bonifica allargate a 30 metri intorno al perimetro dell’incendio, nonché con la rimozione di carcasse di 26 auto bruciate nella zona messa sotto sequestro dall’autorità giudiziaria. Ma oggi pomeriggio le fiamme sono subito tornate, favorite dal clima secco e dalla brezza che soffia sul litorale.

Pineta chiusa ai pedoni Il sindaco di Grosseto ha emesso due ordinanze: una, per poter intervenire nel sottobosco dei privati, anche a oltre 30 metri dalle strade pubbliche, nelle frazioni di Marina di Grosseto e Principina a Mare;  un’altra ordinanza stabilisce, sempre nelle stesse località, il divieto di circolazione, anche pedonale, dentro la pineta fino alla fine dell’emergenza. Per accedere alle spiagge, i pedoni potranno transitare in pineta solo percorrendo sentieri obbligatori adeguatamente segnalati dalle autorità. Così, a causa degli incendi, il cammino libero nella grande pineta di Marina di Grosseto viene vietato. La pineta è completamente interdetta al transito di veicoli.