Home Spettacoli The Last Days of Oakland. Fantastic Negrito al Festival delle Colline di...

The Last Days of Oakland. Fantastic Negrito al Festival delle Colline di Prato

233
0
SHARE

Un blues contaminato dal pop, dal punk, dal soul e dal rock. Fantastic Negrito è l’essenza e la verità dell’essere umano raccontata sotto forma di black music. E grande è l’attesa per il ritorno dell’agit prop dell’underground a stelle e strisce, lunedì 17 luglio alla Villa Medicea di Poggio a Caiano (Prato) unica tappa italiana dell’estate (ore 21,30).

Fiora – MyFiora Autolettura

Unica tappa italiana dell’estate 2017 Ogni canzone è la storia di questo musicista di Oakland. Che ha avuto la possibilità di firmare un contratto discografico milionario – all’epoca come Xavier Dphrepaulezz – ma ha poi deciso di mollare tutto. Che è sopravvissuto a un terrificante incidente d’auto e, dopo un coma di quattro settimane, è risorto come una fenice. La sua musica mette in risalto la prudenza e lo spazio, tra slide guitar, batteria e pianoforte. Piuttosto che rivisitare i suoi modelli, Fantastic Negrito lascia intatti Lead Belly e Skip James e costruisce con loro un ponte verso un suono moderno, con loops e samples dei suoi strumenti live. Dopo aver vinto l’NPR Tiny Desk Award (uno dei contest online più importanti e seguiti negli USA), i concerti in apertura al compianto Chris Cornell, e i primi live da headliner, Fantastic Negrito sceglie il Festival delle Colline per l’unica tappa italiana dell’estate 2017. In primo piano l’album “The Last Days of Oakland”, eletto da critica e pubblico tra le migliori uscite del 2016, e premiato nel 2017 con un Grammy Award come “Best Contemporary Blues Album”.