Home In evidenza Calcio senza piu’ confini. Nasce la squadra degli Insuperabili per vincere la...

Calcio senza piu’ confini. Nasce la squadra degli Insuperabili per vincere la disabilità

715
0
SHARE

Il calcio non ha più confini e tutti anche a Firenze potranno praticarlo senza difficoltà. Tutto questo è possibile grazie alla “Insuperabili Reset Academy-Matrix Onlus” da poco attiva nella città toscana e che ha celebrato il suo open day negli impianti  della Polisportiva Firenze Ovest.

Il progetto “Insuperabili” è nato nel 2011 con l’idea di creare una scuola calcio per ragazzi e ragazze con disabilità: fisica e motoria, cognitivo-relazionale, affettivo-emotiva e comportamentali. L’obiettivo è quello favorire la crescita e l’integrazione dei partecipanti all’interno della società, grazie anche alla voglia di mettersi in gioco e migliorarsi giorno dopo giorno, seguendo i principi della lealtà, sportività e correttezza. La sede principale delle Academy è Torino dove è nato il progetto, ma ne sono attive adesso numerose in ogni parte d’Italia. Questa di Firenze è la prima in Toscana ed è nata grazie all’impegno della cooperativa sociale Matrix Onlus che dal 1999 opera nei settori della disabilità sociale,
intellettiva, fisica, piscologica e psichiatrica nella provincia di Firenze. Il progetto ha il patrocinio della Regione Toscana, della Città Metropolitana e del Comune di Firenze.

Il presidente Leonardi: «La Toscana ci mancava» «Nello sviluppo nazionale delle nostre Academy, la Toscana era una regione che ci mancava –ha aggiunto Davide Leonardi presidente Insuperabili Reset Academy – . Riuscire ad aprirne una a Firenze, davvero non potevamo chiedere di più. Così come non potevamo trovare un collaboratore migliore di Matrix, un vero e proprio punto di riferimento sul territorio per quanto riguarda la disabilità. In questi primi mesi abbiamo potuto constatare la loro grande professionalità e siamo entusiasti del percorso che faremo insieme. Questo open day è importante per dare visibilità al progetto, ma soprattutto per dare la
possibilità ai ragazzi di giocare sul campo e provare le nostre
metodologie di allenamento».