Home Cultura Dedicato a Carlo Monni. Torna il Cinema Tascabile, 16 proiezioni nei quartieri...

Dedicato a Carlo Monni. Torna il Cinema Tascabile, 16 proiezioni nei quartieri cittadini

250
0
SHARE

Dal 15 luglio all’8 agosto torna nelle sere dell’Estate Fiorentina il furgoncino del Cinema Tascabile, con l’associazione M.Arte e Spazio Alfieri, per il terzo anno consecutivo il Cinema arriva nelle periferie. I quattro quartieri periferici di Firenze, Q2, Q3, Q4 e Q5 , ospiteranno nelle loro piazze e giardini delle vere e proprie arene estive, attraverso un “cinema portatile” (giardino villa Arrivabene – Q2, giardino centro sociale Sorgane – Q3, Piazza Crezia – Q4, Piazza Coop Le Piagge – Q5) e chi vorrà, potrà portarsi la propria sedia preferita da casa, arriva il cinema di quartiere, se i residenti non vanno al cinema è il cinema ad andare da loro e ad ingresso libero.

L’assessore Sacchi: «Centrale è sempre stata la grande attenzione prestata alle periferie» «Estate Fiorentina, il più grande ed esteso festival multidisciplinare del Paese, ha spalle robuste costruite in anni di ascolto delle esigenze e richieste pervenute dai quartieri di tutta la città – ha detto Tommaso Sacchi, assessore Cultura, Moda e Design -. Centrale è sempre stata la grande attenzione prestata alle periferie, portando eventi anche in piazze e aree meno centrali, grazie alle tante associazioni culturali che credono nella rassegna estiva e realizzano ogni anno progetti di alta qualità. Uno di questi è sicuramente il Cinema Tascabile».

Dedicato a Carlo Monni 16 proiezioni: 4 per ogni quartiere, in uno straordinario omaggio a Carlo Monni e Gli Amici Suoi, nel programma curato dal critico Claudio Carabba. Il primo pensiero è stato per Carlo Monni, detto dagli amici di gioventù il Monna, un attore estroso e a volte furente, che con la vita, il cinema e il teatro avrebbe ancora giocato. In programma i primi film arrabbiati di Francesco Nuti, le novelle filosofico-politiche di Alessandro Benvenuti, gli esperimenti bizzarri di Ceccherini, la cavalcata storica di Paolo Hendel in Domani accadrà, Marco Messeri in insolita versione drammatica di Notte italiana, opera prima di Carlo Mazzacurati.