Home Cronaca Poker d’assi in piazza Santa Croce. ‘Un campione per amico’ con Panatta,...

Poker d’assi in piazza Santa Croce. ‘Un campione per amico’ con Panatta, Lucchetta, Graziani e Chechi

262
0
SHARE

Si è svolta nella splendida cornice di Piazza Santa Croce a Firenze, la sesta tappa dell’edizione 2019 di Banca Generali Un Campione per Amico. Oltre 200 bambini delle scuole elementari e medie della città fiorentina hanno avuto l’opportunità di giocare e divertirsi con quattro grandi campioni dello sport italiano: Adriano Panatta, Andrea Lucchetta, Ciccio Graziani e Jury Chechi. Il centro cittadino si è trasformato per l’intera mattinata in una vera e propria palestra a cielo aperto: palleggi, rovesci, punizioni, capriole, lo sport e i bambini attori protagonisti sul palcoscenico cittadino.

Panatta: «Evento che include tutte le comunità che incontriamo» «Siamo ogni anno stupiti, emozionati e felici di riscontrare tanto entusiasmo e partecipazione tra bambini e adulti, nei confronti di una manifestazione, quest’anno sono 20 edizioni, che non ha un valore esclusivo, bensì è in grado di includere tutte le comunità che incontriamo – ha dichiarato  Panatta – Banca Generali Un Campione per Amico ha successo perché agevola, attraverso lo sport, il contatto umano trasferendo quei sani valori determinanti per diventare campioni nella vita prima ancora che nella competizione sportiva».

Mauri (Banca Generali): «Attenzione sull’importanza di una corretta educazione finanziaria» Soddisfazione anche dai vertici di Banca Generali, sponsor per il decimo anno consecutivo della manifestazione: «Siamo felici della risposta di Firenze a questa sesta tappa di Banca Generali Un Campione per Amico –  spiega Alessandro Mauri, Area Manager di Banca Generali Private in Toscana e Emilia Romagna che aggiunge – crediamo sia importante trasmettere ai bambini l’esempio di questi quattro grandi campioni ma vogliamo anche richiamare l’attenzione di tutti sull’importanza di una corretta educazione finanziaria a cui vogliamo avvicinare i più giovani».