Home Cronaca Coronavirus. Vaccino anti Covid, arrivata in Toscana la quinta fornitura Pfizer. In...

Coronavirus. Vaccino anti Covid, arrivata in Toscana la quinta fornitura Pfizer. In settimana attese le dosi Moderna

221
0
SHARE
Foto Pixabay

Sono arrivate questa mattina in Toscana 29250 dosi di vaccino anti Covid-19, prodotto e commercializzato dalla Pfizer-BioNTech, con il quale procedono, come da calendario, le somministrazioni delle seconde dosi per i richiami. Si tratta della quinta fornitura.

«La sospensione delle prime dosi è stata una scelta di responsabilità – spiega il presidente Eugenio Giani – per garantire i richiami agli oltre 70mila toscani che hanno già ricevuto la prima somministrazione con Pfizer. A inizio della prossima settimana è prevista una nuova consegna».

«Se, come auspichiamo, non ci saranno ulteriori riduzioni o ritardi, a metà settimana prossima, potranno essere riaperte le prenotazioni online per le prime somministrazioni con Pfizer agli operatori sanitari e socio-sanitari – aggiunge l’assessore alla sanità, Simone Bezzini -. La priorità verrà data ai 6.900 appuntamenti annullati la scorsa settimana (comunicati con un sms personale), a causa dell’improvvisa e pesante riduzione delle forniture da parte dell’azienda».

In arrivo anche 4100 dosi di Moderna

Per questa settimana è attesa anche la consegna di altre 4.100 dosi circa di vaccino della statunitense Moderna, con cui stanno andando avanti le prime somministrazioni agli operatori dei servizi di emergenza-urgenza e ai volontari impegnati nei trasporti sanitari (tra le categorie coinvolte nella fase 1).

Giorno della verità per il vaccino di AstraZeneca

«Domani sarà il giorno della verità per AstraZeneca – prosegue Bezzini – se dall’Ema arriverà l’autorizzazione, a quel punto sapremo con certezza anche le caratteristiche di questo vaccino e a chi potrà essere somministrato. Una variabile decisiva per impostare nei dettagli la fase 2, che noi siamo pronti a far partire già a metà febbraio, periodo indicato da AstraZeneca per la prima distribuzione, se le quantità e le tempistiche di consegna dei vaccini lo consentiranno».