Home Cronaca Coronavirus. L’andamento dell’epidemia in Toscana come nel Guandong, l’esperto Ars: «Nei primi...

Coronavirus. L’andamento dell’epidemia in Toscana come nel Guandong, l’esperto Ars: «Nei primi giorni di aprile stop nuovi contagi»

1974
0
SHARE
Foto Pixabay

L’andamento dell’epidemia di coronavirus in Toscana è per ora simile a quello registrato nella provincia cinese del Guandong, meno aggressivo rispetto a quello accertato nella città di Wuhan. A spiegarlo è Fabio Voller, coordinatore del centro di epidemiologia dell’Agenzia regionale di sanità della Toscana.

Numero contagi verso esaurimento ad aprile» Nella regione, afferma, il numero dei nuovi contagi giornalieri «piano piano dovrebbe scendere per esaurirsi con i primi dieci giorni di aprile, quando dovremmo cominciare a contare pochi casi al giorno», arrivando a un totale di 3.700-4.000 casi complessivi. «Si tratta di una previsione che ricalca la linea epidemica della zona della Cina del Guandong – afferma Voller – che assomiglia molto a quella toscana, a basso impatto dell’epidemia, a differenza di quella della zona dell’Hubei che ha caratterizzato l’area lombarda». Il calo dell’incremento dei nuovi casi registrato da alcuni giorni si attesta intorno al 3% giornaliero.

Picco ricoveri a fine marzo Secondo l’epidemiologo dell’Ars, il picco dei ricoveri in terapia intensiva arriverà alla fine di marzo, quando è ragionevole aspettarsi l’aggravamento di alcuni dei casi risalenti al 20 del mese: «Gli aggravamenti sono più veloci delle guarigioni – spiega – se i numeri fossero questi il sistema pur affaticato non dovrebbe andare in crisi, ma incrociamo le ditta perché si tratta di modelli non verificati». Secondo i dati in possesso dell’Ars, la provincia toscana più colpita è quella di Massa Carrara, con 15 positivi ogni 10mila abitanti.