Home Cronaca Il fatto non sussiste. Mps, Baldassarri e altri 12 assolti. Il legale:...

Il fatto non sussiste. Mps, Baldassarri e altri 12 assolti. Il legale: «Banda del 5% non è mai esistita»

546
0
SHARE
Foto agenziaimpress.it

Il Tribunale di Siena ha assolto oggi Gian Luca Baldassarri, ex capo dell’area finanza di Mps e gli altri 12 imputati al processo per l’inchiesta sulla cosiddetta ‘banda del 5%’.

Secondo l’accusa, Baldassarri e gli altri imputati, tra funzionari interni alla banca senese e broker finanziari internazionali, avrebbero messo in piedi una serie di presunte “creste” su operazioni con Mps ai danni della stessa banca. L’accusa contestata era associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni di banca Mps, costituitasi parte civile al processo. Per Baldassarri, considerata la presunta mente della ‘banda del 5%’ il Pm aveva chiesto 3 anni e 8 mesi. Tra gli altri imputati, tra dipendenti Mps e del broker Enigma assolti figurano Pompeo Pontone e Giorgio Filippetto, rispettivamente ex responsabile ed ex dipendente del desk londinese di Mps, «perché il fatto non sussiste», dipendenti di Mps e del broker Enigma. L’accusa, rappresentata in giudizio dal Pm Antonino Nastasi, ipotizzava che fra i dipendenti di Mps e il broker vigesse un accordo illegale per far lucrare ad Enigma provvigioni non dovute in cambio di cessioni di soldi a beneficio dei dipendenti infedeli.

Il legale di Baldassarri: «Pienamente soddisfatti» «Speravamo nell’assoluzione, siamo pienamente soddisfatti. Oggi possiamo dire che la banda del 5% non è mai esistita». Così l’avvocato Stefano Cipriani, difensore di Baldassarri commenta l’assoluzione del suo assistito. «L’istruttoria – aggiunge il legale – aveva dato conto che non c’era alcuna prova di truffe e l’operatività dell’area finanza era in linea con l’operatività delle altre banche». In aula, alla lettura della sentenza, era presente anche Baldassarri.

Il legale di Pontone e Filipetto: «Sentenza che conferma l’assoluta correttezza del loro operato» «Siamo molto soddisfatti dell’esito odierno che accoglie pienamente le richieste della difesa e sancisce l’assoluzione per Pontone e Filipetto in quanto il fatto non sussiste – la dichiarazione dell’avvocato Antonio Golino, che con Andrea Alfonso Stigliano fa parte del team di Clifford Chanche che ha difeso Pontone e Filipetto -. La sentenza conferma l’assoluta correttezza del loro operato, garantendo quel doveroso riscatto reputazionale e professionale dopo anni di ingiuste accuse».