Home Cronaca Riforma Province, la Toscana tutela i dipendenti. E’ la prima regione in...

Riforma Province, la Toscana tutela i dipendenti. E’ la prima regione in Italia

290
0
SHARE

province_9.jpgLa Toscana in prima linea per tutelare i dipendenti delle Province in vista del riordino amministrativo. In attesa che in seguito alla legge Delrio vengano definite le procedure concrete per il riordino delle funzioni delle Province, la regione ha siglato un’intesa per la tutela dei 4500 dipendenti. Ai lavoratori dei dieci enti sarà garantita, come previsto dalla legge, continuità professionale: nessun lavoratore sarà licenziato. Anche l’anzianità di servizio sarà salva, nel caso di trasferimento ad altro ente. In qualche caso potrà essere previsto un percorso di riqualificazione. Nessuno comunque arretrerà rispetto al contratto e alle mansioni che ha adesso. E’ l’impegno che la Regione assieme all’Anci,all’Unione delle Province e alle organizzazioni sindacali hanno preso oggi.

Gli impegni Il documento definisce impegni ed obiettivi precisi: come la necessità di istituire un tavolo permanente di confronto e monitoraggio sul personale interessato al riordino, garanzie per la continuità del lavoro e dell’inquadramento giuridico e contrattuale dei dipendenti, il monitoraggio delle attività degli enti affinché eventuali trasferimenti avvengano in conformità alle norme che regolano la mobilità. Regione, Anci e Upi ritengono anche necessario che si verifichi che gli eventuali trasferimenti di personale non incidano sui vincoli di bilancio e sui limiti di spesa, oggi in vigore, degli enti che se ne faranno carico.

Tutela per chi lavora nelle Province “Nel momento in cui si deve metter mano alla riorganizzazione dei livelli istituzionali – sottolinea l’assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli – la nostra prima preoccupazione è stata quella di pensare alla tutela dei lavoratori e alla certezza di mantenere il loro posto di lavoro. Questo protocollo – aggiunge l’assessore – intende tutelare il lavoro di chi lavora nelle Province, prima ancora che abbia preso avvio il riordino delle funzioni. In questi mesi ci siamo incontrati più volte con i rappresentanti di lavoratori che sono preoccupati della situazione, e con la firma di oggi intanto ci impegniamo, ognuno per propria parte, alla tutela del lavoro di queste persone e a tenerci tutti informati e a monitorare di volta in volta le ripercussioni che il riordino comporterà sui lavoratori. Essere i primi in Italia a farlo ci fa ben sperare di essere sulla strada giusta».

«Inspiegabile ritardo a livello nazionale» «La firma di oggi – evidenza Alessandro Pesci, segretario generale dell’Associazione dei Comuni toscani – si inserisce in un percorso di forte convergenza tra l’Anci Toscana e le rappresentanze sindacali, in una fase delicata di riorganizzazione degli assetti istituzionali avviata dalla legge Delrio. Anci Toscana ha già siglato nei mesi scorsi con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil confederali e dei dipendenti pubblici un protocollo di intesa sulle relazioni sindacali nel processo costitutivo dell’Unione dei comuni e della gestione delle funzioni associate. Alla vigilia delle elezioni comunali abbiamo anche firmato un’intesa con tutte le rappresentanze sindacali dei Segretari comunali, con lo scopo di promuovere con i nuovi sindaci azioni improntate a chiarezza, eticità e trasparenza nei confronti dei segretari stessi. A livello nazionale, invece, ci troviamo di fronte ad un inspiegabile ritardo: sono infatti trascorsi tre mesi dalla pubblicazione della riforma in Gazzetta Ufficiale, ma non vi è ancora traccia dell’intesa per la redistribuzione delle funzioni locali e del personale”.

«In un contesto incerto, l’intesa pone basi per gestione condivisa»  «L’accordo di oggi fissa comunque un passaggio importante – sottolinea Andrea Pieroni, presidente dell’Upi – In un contesto infatti di profonda incertezza e difficoltà, pone le basi per un gestione condivisa di questo passaggio: una gestione condivisa tanto più necessaria alla luce dei ritardi nel percorso previsto dalla legge Delrio, al fine di evitare ulteriori disagi per i cittadini e i territori».

Il plauso dei sindacati Soddisfatti i sindacati:  «Una firma non banale per garantire continuità di servizi ai cittadini» sottolinea Paolo Becattini della Uil. «Un lavoro importante che dimostra una sensibilità al momento unica in Italia» ricorda Simonetta Leo della Cgil, che auspica poi che «altrettanta sensibilità venga dimostrata ai tavoli provinciali, senza distinguere tra dipendenti delle Province e dipendenti di soggetti diversi, perchè non esistono lavoratori di serie A e serie B». «Un’intesa dal significato importante perché condivide un metodo – dice Marco Bucci della Cisl -. Ora non resta che aspettare che si traduca in qualcosa di operativo». «Ma per dare gambe a questa accordo – conclude Debora Giomi della Cgil – è necessario che a livello nazionale vengano prese quelle decisioni fino ad oggi rinviate».