Home Cronaca Ordinanza anti-bivacco. Firenze, torna in vigore il divieto di consumare alimenti sui...

Ordinanza anti-bivacco. Firenze, torna in vigore il divieto di consumare alimenti sui marciapiedi

710
0
SHARE

Torna da oggi a Firenze l’ordinanza che vieta di consumare alimenti sui marciapiedi,  sulle soglie di negozi e abitazioni e sulle carreggiate. Le aree interessate sono via dei Neri, il Piazzale degli Uffizi,  piazza del Grano e via della Ninna, fino al 15 settembre fra le ore 12 e le ore 15, e fra le ore 18 e le ore 22. Lo prevede un’ordinanza del sindaco Dario Nardella sulle misure di prevenzione e tutela della vivibilità e del decoro di via dei Neri e aree limitrofe. A controllarne l’applicazione sarà la Polizia municipale.

La violazione dell’ordinanza è punita con il pagamento di una sanzione amministrativa da 150 a 500 euro. Gli esercenti dovranno esporre ben visibile alla propria clientela l’apposita grafica realizzata dal Comune che sintetizza i contenuti dell’ordinanza, in italiano e inglese. Nell’ordinanza si ricorda che in via dei Neri operano alcune attività di somministrazione di alimenti e bevande con asporto e che con l’inizio della stagione primaverile, soprattutto negli orari dei pasti, i clienti «hanno iniziato a fermarsi all’esterno delle stesse ed a consumare gli alimenti, invadendo, in particolare, i marciapiedi nonché le soglie di negozi e abitazioni dando luogo ad una situazione lesiva del decoro e della vivibilità dell’area, anche alla luce del valore di particolare pregio della stessa che è sita all’interno dell’area Unesco». Nel testo viene anche ricordato che la stessa problematica si era presentata durante i mesi estivi del 2018 con numerose richieste di intervento della Polizia Municipale pervenute tramite centrale operativa al fine di garantire la vivibilità dell’area e che tale situazione, in un caso sfociata in una rissa, venne affrontata tramite lo strumento dell’ordinanza sindacale contingibile urgente, rimasto in vigore dal 4 settembre al 6 gennaio scorso, con risultati soddisfacenti che hanno portato a ridurre significativamente i comportamenti lesivi della libertà degli individui.