Home Enti locali Ribadito il “No”. Fusioni tra Comuni, il Consiglio regionale respinge le proposte...

Ribadito il “No”. Fusioni tra Comuni, il Consiglio regionale respinge le proposte già bocciate da referendum

956
0
SHARE

Dopo il parere espresso dai cittadini con il referendum dello scorso novembre a dire no alla fusione tra i Comuniè ora il Consiglio regionale della Toscana per Bibbiena e Ortignano Raggiolo (Arezzo), Dicomano e San Godenzo (Firenze), Montepulciano e di Torrita di Siena (Siena) e tra Asciano e Rapolano Terme (Siena).

Il dibattito in aula Nel dibattito Marco Casucci (Lega Nord) ha sottolineato la poca affluenza al voto. «Occorre riflettere sulla partecipazione – ha detto -, che non è sentita» e ha accusato la maggioranza di «continuare a spingere sulle fusioni procedendo in modo ideologico». Sulla stessa linea Gabriele Bianchi (M5s), secondo cui «laddove sindaci si muovono e informano cittadini, ecco che la fusione va in porto», sottolineando la necessità di «coinvolgere i cittadini nelle scelte». A ribadire la posizione della maggioranza è stato Massimo Baldi (Pd): «Le fusioni in alcuni territori sono un nostro orientamento programmatico, quindi incoraggiamo fusioni prendendo atto della volontà di popolazioni. Nelle ipotesi che discutiamo oggi – ha aggiunto – queste intenzioni non ci sono». Così come precisato anche dal presidente della commissione affari istituzionali, Giacomo Bugliani (Pd): «Dare la responsabilità del voto contrario alla maggioranza è fantasioso, dopo che le opposizioni hanno votato a favore del referendum. Il Pd ha interpretato le proposte in linea con quanto affermato dai territori e ha espresso voto contrario».