Home Cronaca Segni di crisi. Artigianato, in Toscana calano lavoro e addetti nel 2018

Segni di crisi. Artigianato, in Toscana calano lavoro e addetti nel 2018

93
0
SHARE

Nel 2018 il numero delle imprese artigiane toscane è calato dell’1,8%, i lavoratori sono diminuiti dell’1,3% e la giornate retribuite segnano un -1,2%. Nei primi 6 mesi del 2019, inoltre, sono aumentate del 9,7% le domande di cassa integrazione. I dati emergono dal secondo rapporto ‘Imprese artigiane e mercato del lavoro’ presentato oggi a Firenze dall’Ebret.

L’analisi dei dati Inps rivela che per l’artigianato toscano nel 2018 si è interrotta la fase di crescita che aveva caratterizzato il biennio 2016-2017. Il rapporto spiega inoltre che il monte retributivo è rimasto invariato mentre il calo del numero di dipendenti ha prodotto un incremento dei livelli retributivi pro-capite, cresciuti dell’1,3% nel 2018, in linea con la dinamica dei prezzi. A confermare il quadro anche i dati del Fondo di solidarietà bilaterale (Fsba), cioè la cassa integrazione artigiana che ha preso il posto della Cig in deroga: nel primo semestre dell’anno in corso 544 aziende toscane hanno chiesto l’intervento del fondo per 2.749 lavoratori. Le domande provengono da tutta la regione ma soprattutto dalle province di Firenze, Pisa e Prato e principalmente dal tessile-abbigliamento-calzature. Nei primi 5 mesi del 2019, inoltre, le ore di lavoro integrate da Fsba sono aumentate del 13,7% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il rapporto infine evidenzia anche un calo della qualità delle forme contrattuali: il comparto registra un +19,5% nel 2018 per i contratti a tempo determinato a tempo pieno e un +26,7% per quelli a tempo parziale. Sono invece diminuiti i contratti a tempo indeterminato: -3,5% per la versione full-time e -5,5% nel part-time. A livello territoriale l’andamento dell’occupazione artigiana è risultato positivo ad Arezzo (+2%), Siena (+1%) e Livorno (+0,4%), mentre flessioni si registrano per tutte le altre province e a Prato in particolare (-5%).