Home Spettacoli Suoni riflessi. A Firenze l’1 novembre la trasformazione delle stelle in musica

Suoni riflessi. A Firenze l’1 novembre la trasformazione delle stelle in musica

590
0
SHARE

andromeda_sIl festival Suoni Riflessi prosegue con 4 appuntamenti in 4 domeniche consecutive, sempre alle ore 11, presso la sala Vanni di Firenze, a cui si aggiungeranno, il 14 novembre (alle 18 sempre in Sala Vanni), le tre prove aperte a ingresso libero di ‘Svelare la musica’, in ciascuna delle quali si potrà assistere alla messa a punto dell’evento del giorno successivo.

“Fuoco-Stelle” L’1 novembre si comincia con “Fuoco – Stelle: nascita, vita e morte”, in cui il dinamismo del fuoco sarà rappresentato dalle trasformazioni delle stelle, e alle spettacolari immagini del cosmo della Nasa illustrate da Sandro Fossi si accompagneranno musiche di Edgard Varèse, Lowell Lieberman, Domenico Scarlatti, Pierre Boulez, Fryderyk Chopin e Johann Sebastian Bach suonate dal flauto di Ancillotti, il piano di Matteo Fossi e il duo Chiara Pavan – Eugenia Canale (flauto – pianoforte). Ogni brano musicale evocherà una differente fase della vita di una stella.

“Terra” L’8 novembre è la volta di “Terra – gastronomia musicale”, uno spettacolo-concerto di grande successo di alcuni anni fa – condotto dal musicologo, nonché eccellente gourmet, Alberto Batisti, fra piatti musical gastronomici gustosissimi di Georg Philipp Telemann, Wolfgang Amadeus Mozart, Gioacchino Rossini, Carl Friedrich Zöllner, Roberta Vacca (1a esecuzione), Leonard Bernstein, Pyotr Ilyich Tchaikovsky e Johann Sebastian Bach.

“Acqua” L’itinerario musicale fra i quattro elementi si conclude il 15 novembre con “Acqua – giocando sotto la pioggia”, un tourbillon di brani musicali e testuali. I testi sono di Garcia Lorca, Achille Campanile, James Joyce, Leonardo da Vinci, Gabriele D’Annunzio e di altri ancora: scelti e letti da Ancillotti per accompagnare musiche di John Dowland, Toru Takemitsu, Fryderyk Chopin, Maurice Ravel, Luigi Quadranti (1a esecuzione), Salvatore Sciarrino, Nacio Herb Brown e Arthur Freed (gli autori di ‘Singing in the rain).

Gran finale con “Pinocchio” L’ultimo appuntamento, come da tradizione, è uno spettacolo musicale su Pinocchio con musiche create per l’occasione da giovani compositori. Il titolo è “Pinocchio nel campo dei miracoli” e il 22 novembre in scena, accanto al narratore Giovanni Carli, è prevista la presenza dell’illustratrice Enrica Pizzicori, che dal vivo disegnerà la storia di Carlo Lorenzini. Le musiche, in anteprima assoluta, sono di Enea Chisci e Jacopo Aliboni, compositori provenienti dalla Scuola di Musica di Fiesole e dall’Istituto Franci di Siena.