Home Cronaca Io sto con i lavoratori Bekaert. Il Comune di Figline lancia la...

Io sto con i lavoratori Bekaert. Il Comune di Figline lancia la raccolta fondi contro la chiusura dello stabilimento

699
0
SHARE
La pallavolista figlinese di serie A, Federica Stufi,è testimonial dell’iniziativa

Si chiama “Io sto con i lavoratori Bekaert” la raccolta fondi promossa dal Comune di Figline e Incisa Valdarno, in collaborazione con Arci, Mcl e organizzazioni sindacali, per sostenere i 318 operai che dal 22 giugno scorso lottano insieme alle istituzioni contro la chiusura dello stabilimento di via Petrarca. Adesso il Comune lancia l’iniziativa che servirà a sostenere i lavoratori nell’organizzazione di vari eventi per mantenere alta l’attenzione sul caso Beakert.

Raccolta fondi Giovedì 19 e venerdì 20 luglio l’amministrazione comunale ha invitato un rappresentante dei lavoratori ad aprire i concerti serali del Bada Ki C’è Festival (piazza Ficino, ore 21.30) con un breve intervento che servirà a sensibilizzare sulle prossime iniziative da intraprendere. Nei gazebo presenti al festival (e nei giorni successivi presso il municipio) saranno a disposizione gadget ad offerta libera: oltre alle spillette “Io sto con i lavoratori Bekaert”, ci saranno le magliette con la vignetta che Mauro Biani, illustratore del quotidiano Il Manifesto, ha realizzato appositamente per appoggiare la causa dei lavoratori valdarnesi.

Il sindaco Mugnai: «Vicenda molto preoccupante» La seconda iniziativa coinvolge invece i Circoli Arci del Valdarno e il Circolo Mcl Ponterosso di Figline nel weekend di venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio: anche in questo caso una parte del ricavato proveniente alle attività dei Circoli (una qualsiasi consumazione al bancone e/o una cena) servirà a sostenere i lavoratori. «La vicenda Bekaert continua ad essere molto preoccupante – ha spiegato il sindaco Giulia Mugnai -. L’incontro di ieri non è andato bene, l’azienda non ha fatto ancora intravedere nessuno spiraglio: nei prossimi incontri dobbiamo sedercii al tavolo della trattativa con condizioni diverse da quelle finora profilate, perché non è ammissibile alcun accordo al ribasso fatto sulla pelle di questi lavoratori. Oltre all’attività istituzionale che prosegue con un fitto calendario di incontri e di sinergie trasversali – ha aggiunto – come Comune stiamo sostenendo tutte le iniziative dei lavoratori per mantenere alta l’attenzione su un caso che ha sconvolto tutta la comunità: mancano meno di 50 giorni alla chiusura dello stabilimento e dobbiamo fare tutto il possibile per scongiurarlo». Tutto il ricavato raccolto dall’iniziativa “Io sto con i lavoratori Bekaert” sarà devoluto al Cral (Circolo Ricreativo Aziendale Lavoratori) dello stabilimento di Figline.