Home Cronaca Stop alla violenza contro le donne. L’invito di Cgil Toscana: «Un drappo...

Stop alla violenza contro le donne. L’invito di Cgil Toscana: «Un drappo rosso alla finestra»

209
0
SHARE
Foto Pixabay

Esporre un drappo rosso alla finestra: è una delle iniziative promossa dai coordinamenti Donne Cgil e Spi Cgil regionale e territoriali, in occasione della ‘Giornata internazionale contro la violenza sulle donne’ in programma il 25 novembre. Diverse anche le iniziative alle quali il sindacato parteciperà. Si parte con una trasmissione radiofonica su Controradio il 24 mattina dalle 8.40 alle 9.10, in diretta anche sui canali social della radio, per la presentazione del libro ‘Bread & Roses Storie straordinarie di ordinaria discriminazione’, scritto e curato dall’attrice Daniela Morozzi e dall’avvocata Marina Capponi, all’interno di un progetto contro le discriminazioni di genere con Cgil Toscana e Controradio. La presentazione in diretta su Controradio con le autrici, Dalida Angelini e Barbara Orlandi (Cgil Toscana) e con Susanna Camusso.

Il Tavolo di monitoraggio Nei giorni immediatamente antecedenti il 25 si riunirà per la prima volta il Tavolo di monitoraggio sulla violenza di genere previsto dal protocollo firmato da Cgil-Firenze, Cisl Prato e Firenze, Uil Firenze e Comune di Firenze. A Prato affissione dello striscione al grande balcone della Cdl ‘Proteggiti anche dalla violenza’. Ed ancora mascherine con lo slogan ‘Proteggiti anche dalla violenza’. A Pisa iniziativa unitaria dei coordinamenti Cgil, Cisl e Uil con post su Facebook già in corso, ‘Metti la violenza fuori dalla finestra’ lo slogan della campagna social e nella quale si invita a esporre alla finestra un indumento rosso, simbolo della violenza sulle donne; fare una foto inviandola al 3480196722. Le foto verranno composte in un manifesto e pubblicate su fb. A Livorno, per il 27 novembre è in programma il convegno ‘Donne e Covid-19:vita e lavoro ai tempi della pandemia’ al quale partecipano Rossana Dettori e Susanna Camusso. In programma iniziative anche a Siena, Lucca, Grosseto e Pistoia.