Home Asciano Istituito il Premio “Le Crete”, onorificenze a istituzioni o cittadini simbolo di...

Istituito il Premio “Le Crete”, onorificenze a istituzioni o cittadini simbolo di Asciano

490
0
SHARE

Un riconoscimento pubblico a istituzioni, associazioni o persone che hanno contribuito alla crescita e alla valorizzazione culturale, sociale e storica di Asciano e del suo territorio. Nasce il premio “Le Crete” che sarà consegnato venerdì 6 dicembre alle ore 17.30 nell’auditorium del Museo Cassioli con una cerimonia ufficiale alla presenza di tutto il Consiglio Comunale che ne ha approvato nei giorni scorsi regolamento e intitolazione. A scandire il cerimoniale saranno i battiti della campana sulla Torre Civica che torna a diffondere la sua eco tra le vie del centro e la campagna circostante dopo anni di inattività. La stessa campana in passato scandiva i tempi di vita quotidiana nel Paese del Garbo e degli eventi eccezionali. Il premio “Le Crete” sarà consegnato dal Comune di Asciano all’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore per il 700esimo anno della sua fondazione “E’ qui a Chiusure in Asciano, nel deserto di Accona – si legge nella motivazione -, che il nobile San Bernardo Tolomei, insieme a Patrizio Patrizi ed Ambrogio Piccolomini, si ritirarono per vivere secondo le regole di San Benedetto. Monte Oliveto Maggiore, oggi, non è solo un’oasi di spiritualità marcata dalla contemplazione ma anche una realtà aperta al mondo nel segno della carità e solidarietà”.

I premiati Medaglia d’argento di onorificenza a Don Celso Bidin “per il suo ruolo di storico dell’Ordine Benedettino e profondo conoscitore di tutti i tesori artistici custoditi nell’Abbazia. Assiduo ed appassionato ricercatore della storia di Asciano e Chiusure, cui ha dedicato numerosi focus, ha partecipato a numerose trasmissioni televisive andate in onda sulle T.V. locali ed anche sui vari canali RAI”. Pergamena di civico riconoscimento ad Angiolo Papini, da 50 anni titolare di una bottega artigiana nel centro, “per il suo assiduo ed instancabile impegno nel mondo associativo, per la sua attività imprenditoriale e per il suo affetto verso la comunità di Asciano dove ha scelto di vivere”.