Home Cronaca Generazione da proteggere. In Toscana il 18% ragazze non lavora e non...

Generazione da proteggere. In Toscana il 18% ragazze non lavora e non studia. Il rapporto di Save the Children

201
0
SHARE
Foto Pixabay

In Toscana non lavora e non studia il 18% delle ragazze contro il 13,7% dei coetanei maschi; nella regione inoltre il 9,8% dei minori viveva in povertà relativa già prima dell’emergenza Covid; gli asili nido sono assicurati al 20,2% dei bambini e la dispersione scolastica è attestata al 10,4%. E’ questo il quadro che emerge dal nuovo ‘Atlante dell’infanzia a rischio – Con gli occhi delle bambine’ diffuso a pochi giorni dalla Giornata mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza da Save the Children.

Povertà relativa al 9,8% in Toscana Secondo il rapporto inoltre nel biennio 2018-2019, in Toscana quattro minori su dieci non leggevano neanche un libro extrascolastico all’anno (48% a livello nazionale), mentre il 17,6% dei bambini o adolescenti non praticava alcuna attività sportiva (22,4% la media nazionale). La povertà relativa, che in Italia colpisce il 22% dei minori, in Toscana si attesta al 9,8% contro l’8,3% del Trentino Alto Adige e il 42,4% della Calabria. Il rapporto dà conto anche del calo demografico registrato in Italia, dove i minori rappresenta il 16% della popolazione.

Massa Carrara e Grosseto province con meno minori Tra le province toscane, Massa-Carrara (13,6%) e Grosseto (13,7%) sono quelle con la percentuale più bassa di minori, mentre Prato ha il valore più alto (17%). A ridurre il calo, solo l’incidenza dei minori con cittadinanza straniera, con Prato (28,4%) in testa alla classifica con la percentuale più alta tra le province d’Italia. Per Daniela Fatarella, direttrice generale di Save the Children Italia «abbiamo una generazione intera da proteggere, una generazione per la quale il futuro si costruisce a partire da oggi, in Toscana così come nel resto del Paese. E in questa spinta per la ripartenza, le bambine e le ragazze possono e devono essere un volano di sviluppo».