Foto pagina Facebook Sos Volterra

VOLTERRA – Il difensore civico regionale pro tempore Andrea Di Bernardo, il 29 giugno scorso, ha richiesto chiarimenti alla direttrice generale dell’ASL Toscana Nord Ovest Maria Letizia Casani, sulla scorta dell’istanza ufficiale formulata da SOS Volterra riguardo alla chiusura di pediatria.

La lettera è stata inviata per opportuna conoscenza anche all’assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini e al direttore generale della sanità toscana Federico Gelli. Il Difensore civico, nella comunicazione, ha sottolineato come la criticità sia ben nota da tempo e come lo stesso difensore civico abbia “più volte rappresentato la problematica della pediatria presso l’Ospedale di Volterra (anche nella relazione 2021 al Consiglio Regionale)”.

L’Ufficio del Difensore civico regionale, nella nota ufficiale inviata alla Direzione Aziendale e alla Regione, conclude restando “in attesa di capire se la scelta dell’Azienda sia effettivamente quella comunicata da SOS Volterra e, nel caso, quali rimedi si intendano adottare in sede Aziendale e Regionale”. Dal Difensore civico regionale è aperto già da anni un fascicolo che ha visto già due pronunciamenti riguardo alla reperibilità pediatrica notturna, alla necessità di un posto di osservazione breve pediatrica, ma anche in riferimento all’importanza legata alla costituzione di un presidio di terapia intensiva in loco.

Articolo precedenteMps, venerdì confronto tra banca e sindacati sugli esuberi: 3.500 quelli previsti entro il 2022
Articolo successivoVoli cancellati e rimborsi. Tutte le procedure da seguire