Home Cronaca Abbraccia Volterra. Raccolti oltre 31mila euro per il restauro e la riapertura...

Abbraccia Volterra. Raccolti oltre 31mila euro per il restauro e la riapertura della Cattedrale

503
0
SHARE

Si è conclusa con oltre 31mila euro raccolti ‘Abbraccia Volterra’, la campagna di mecenatismo popolare promossa da Unicoop Firenze per contribuire al finanziamento del restauro della Cattedrale di Santa Maria Assunta a Volterra (Pisa). Oggi è stato presentato l’esito della raccolta, alla presenza di Alberto Silvani, vescovo di Volterra, di Claudio Vanni, responsabile relazioni esterne di Unicoop Firenze e di Giovanni Furiesi, presidente della sezione soci Coop di Volterra.

Cattedrale riaperta entro il 2020 Migliaia sono state le donazioni, sia attraverso la piattaforma online Eppela, sia attraverso le iniziative organizzate dalla sezione soci Coop di Volterra. Un importante contributo è arrivato anche dalle donazioni alle casse (11,160 euro), dove i soci potevano sostenere l’iniziativa con un euro o 100 punti della carta socio. L’obiettivo, è spiegato in una nota, è quello di riaprire la cattedrale al pubblico entro il 2020. Il prossimo anno, infatti, si terranno le celebrazioni del novecentesimo anniversario della dedicazione della cattedrale, consacrata da Papa Callisto il 20 maggio 1120.

‘Abbraccia Volterra’ è partita a settembre 2017, in risposta alla chiamata del vescovo di Volterra Alberto Silvani, preoccupato per la sorte dei lavori di restauro del Duomo. L’intervento, infatti, era già iniziato nel 2016, sostenuto con le risorse ricavate dall’otto per mille e da una donazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra e aveva riguardato parte delle superfici di facciata della navata laterale destra, la Cappella dell’Addolorata e quella del Santissimo Nome di Gesù. Ma nel 2017 il rischio di uno stop ai lavori in mancanza di ulteriori risorse si era fatto concreto. Da qui la mobilitazione di Unicoop Firenze. Un contributo è arrivato anche dalle due ‘cene galeotte’ del 15 dicembre e del 23 marzo 2018, che la Casa di reclusione di Volterra ha deciso di dedicare alla campagna. Per favorire anche la partecipazione e la valorizzazione del territorio e dei suoi tesori, si sono tenuti appuntamenti di turismo culturale organizzati da Unicoop Firenze in collaborazione con le istituzioni locali.