Home In evidenza Fake news. La precisazione di Asl Toscana Centro, «Tossire contro infarto è...

Fake news. La precisazione di Asl Toscana Centro, «Tossire contro infarto è falsa notizia»

147
0
SHARE
Foto Pixabay

E’ falso che ‘tossire può salvare la vita in caso di infarto’. E’ quanto ribadisce in una nota la Asl Toscana centro spiegando che si tratta di «una vecchia falsa notizia che, purtroppo, torna periodicamente in circolazione nelle catene su WhatsApp e, nonostante sia già stata smentita da numerosi siti specializzati, nel mondo medico c’è forte preoccupazione che il suggerimento, prima o poi, possa essere preso seriamente da qualcuno». «Il messaggio – spiega in una nota diffusa dall’Asl Toscana centro Marco Comeglio, direttore della struttura complessa cardiologia dell’area pistoiese – fa riferimento all’efficacia di forti e prolungati colpi di tosse quale mezzo di rianimazione cardiopolmonare. Un attacco cardiaco, come viene definito nel messaggio, con riferimento all’infarto miocardico, può in alcuni casi determinare delle gravi aritmie che portano molto rapidamente alla perdita di coscienza, purtroppo tossire non serve ad evitare questa complicanza».

Nessun riferimento scientifico Nel messaggio che sta circolando si afferma invece, senza alcun riferimento scientifico, che la tosse funzionerebbe invece da intervento rianimatorio: «Questo oltre che falso è pericoloso. Quando un paziente – continua Comeglio – avverte un dolore toracico sospetto per infarto miocardico, deve immediatamente chiamare il 118 e seguire le indicazioni del personale della centrale operativa. E’ buona regola assumere una posizione supina o semi-seduta, cercando di respirare regolarmente. Solamente nel caso dovesse avvertire un senso di svenimento, dei vigorosi colpi di tosse potrebbero aiutare a mantenere per un breve periodo lo stato di coscienza». «Ormai – conclude lo specialista – le notizie che girano in rete e sui social sono di tutti i tipi e non essendo in possesso degli strumenti per poter distinguere ciò che giusto da ciò che è sbagliato, per sapere come comportarsi correttamente è sempre opportuno rivolgersi al proprio medico».