Home Cultura Tra storie e tecnologia. Medici Senza Frontiere si racconta tra cura e...

Tra storie e tecnologia. Medici Senza Frontiere si racconta tra cura e accoglienza al Santa Maria della Scala

858
0
SHARE

Quattro storie da quattro Paesi diversi, raccontate grazie alla convergenza di più mezzi di comunicazione, rappresentano il cuore della mostra transmediale “Spedale Senza Frontiere”. Un progetto che parla di Medici Senza Frontiere (MSF), Realizzato da alcuni studenti della XIV edizione del Master in Comunicazione d’Impresa dell’Università di Siena – sotto la supervisione di Lucia Ciciriello e Paolo Bertetti – nell’ambito del laboratorio congiunto QuestIT Lab promosso dall’azienda di intelligenza artificiale Quest-IT, il progetto è in collaborazione con il Comune di Siena, il museo Santa Maria della Scala e Medici Senza Frontiere (MSF).

Il percorso narrativo Le storie sono state sviluppate in un percorso narrativo che attraversa una pluralità di media e format di contenuto: da un sito web immersivo, ad un chatbot interattivo, da una mostra a delle illustrazioni, dai blog personali ad una serie di video dei personaggi. Un progetto transmediale che offre una fruizione personalizzata e immersiva, con punti di vista diversi, privilegiando la prospettiva dei bambini.

La mostra, che sarà aperta a partire dal 20 novembre, ruota attorno alle azioni di MSF e alla ex-funzione ospedaliera del Museo del Santa Maria della Scala, le cui mura proteggevano infermi e orfani. Sarà proprio il Museo Santa Maria della Scala ad ospitare la mostra “Spedale Senza Frontiere”, uno degli snodi centrali dell’intero progetto transmediale. Sarà possibile visitare la mostra grazie al BrainControl Avatar, un servizio unico al mondo per l’accesso agli spazi espositivi delle persone con difficoltà motorie, ma che in tempi di pandemia è uno strumento utile per fruire degli spazi museali online, per ammirare da remoto i prestigiosi ambienti della storia e le importanti collezioni attraverso un alter ego robotico teleguidato, dell’azienda LiquidWeb.

Zanco (LiquidWeb): «Visita guidata anche per persone con disabilità importante» «Grazie a questo dispositivo, anche persone con disabilità importanti possono fare una visita guidata in un museo – afferma Roberto Zanco, presidente di LiquidWeb Srl -Inoltre, in un momento complesso come quello che stiamo vivendo, ripensare a una modalità alternativa di fruizione di musei, chiese e edifici di interesse storico e pubblico può rivelarsi una strategia efficace per consentire l’accesso al nostro patrimonio artistico».

Sindaco De Mossi: «Con Bernardino esperienze uniche e personalizzate» «Il BrainControl Avatar da noi soprannominato Bernardino, fa parte del nostro ‘staff’ del Santa Maria da 11 mesi – ha detto il sindaco Luigi De Mossi – permette visite immersive indipendentemente dalla distanza che separa il visitatore dagli spazi espositivi, per offrire esperienze uniche e personalizzate. Ha permesso a molte persone di visitare dalla propria abitazione il Santa Maria anche nei mesi del lockdown generale. Un progetto fortemente voluto da questa amministrazione comunale per rendere sempre più inclusiva e accogliente la nostra città».

Magni (MSF): «Spazio di condivisione davvero unico» «Un progetto ambizioso che grazie a questi ragazzi e alle nuove tecnologie, consente a MSF di far convergere la realtà delle nostre missioni in un luogo dove si intrecciano il locale e il globale, da dove partono e nel quale arrivano nuovi stimoli, creando uno spazio di condivisione davvero unico e accessibile a tutti» dichiara Chiara Magni, responsabile del public engagement di MSF.

Storie dal mondo Lo scopo dell’iniziativa è quello di unire due realtà, una più internazionale, l’altra più localizzata, accompagnando il fruitore in un viaggio attraverso quattro storie, ambientate in alcuni degli oltre 70 Paesi in cui MSF interviene. Si va in Bangladesh grazie a Michela, medico di MSF e Bibi, una bambina rohingya, per andare poi in Colombia dove Veronica, ostetrica di MSF si prende cura di Soledad, madre e vedova, migrata dal Venezuela, passando anche per Gaza grazie a con Luca, ortopedico di MSF che si prende cura dei bambini palestinesi, tra cui Salwa, sopravvissuta ad un bombardamento aereo, per poi vivere la storia di Gaia, che da Siena si ritrova in Congo come medico di MSF, nel pieno degli scontri armati.

Masini (Master in Comunicazione d’impresa): «Nostre conoscenze al servizio della città» «Spedale Senza Frontiere è un progetto che mette al servizio della città e non solo, il patrimonio di conoscenze e di competenze che sviluppiamo giorno per giorno all’interno delle nostre aule. In questa iniziativa sono coinvolte due delle imprese più innovative del territorio e un’istituzione come il Santa Maria della Scala, che così tanto ha dato alla storia e alla cultura di Siena» dichiara dice Maurizio Masini, direttore del Master in Comunicazione d’impresa dell’Università di Siena.