PISA – Un’ordinanza che impone la rimozione dei rifiuti e il ripristino dello stato dei luoghi nell’area dell’ex Vacis, a sud della città lungo l’Aurelia, dove l’analisi dell’Arpat ha rilevato livelli di Keu nettamente al di sopra dei limiti consentiti dalla legge.

Leggi Non solo keu. Dai prelievi risultati allarmanti. Nei terreni della Toscana anche cromo e arsenico oltre i limiti

A firmarla il sindaco di Pisa, Michele Conti. La zona è una di quelle dove sarebbero stati smaltiti illecitamente i fanghi conciari secondo una recente indagine della Dda di Firenze. «I soggetti destinatari del provvedimento – spiega una nota dell’amministrazione comunale – hanno 30 giorni di tempo per presentare un elaborato tecnico che illustri compiutamente lo stato dell’area. L’atto si è reso necessario in seguito all’inchiesta in corso sui rifiuti tossici e agli accertamenti effettuati dall’Arpat che hanno rilevato la presenza di Keu nei riciclati utilizzati».

«Ogni azione necessaria a tutela della salute pubblica e dell’ambiente»

«L’amara vicenda che ha investito molti siti della Toscana – commenta Conti – ha destato una giustificata preoccupazione nella cittadinanza e in tutti noi. Il dovere degli amministratori è mettere in campo ogni azione necessaria a tutela della salute pubblica e dell’ambiente. Mi auguro che chi di dovere intervenga senza perdere tempo, per rendere operative le prescrizioni indicate». I destinatari del provvedimento, l’imprenditore proprietario dell’area, dove è sorto nel frattempo un parco commerciale, e una cooperativa di costruzioni, dovranno «illustrare compiutamente lo stato dei luoghi e prevedere un adeguato piano di investigazione preliminare finalizzato ad accertare lo stato delle matrici ambientali a contatto con la fonte primaria di contaminazione (terreni naturali limitrofi e acque freatiche)». Ma soprattutto l’ordinanza impone, dove non sarà possibile rimuovere il Keu, di «individuare e progettare gli interventi per il confinamento permanente dei materiali non conformi e le modalità di monitoraggio periodico da realizzare» e che «qualora dalle analisi di collaudo dei fondi scavo o dai monitoraggi periodici sulle acque sotterranee dovessero evidenziarsi superamenti dei limiti previsti dalla legge dovrà essere attivata una procedura di bonifica».

E dell’inchiesta keu in Toscana, tornerà ad occuparsene questa sera Non è l’Arena, il programma di La 7 condotto da Massimo Giletti. “Questa sera – ha detto il conduttore nelle anticipazioni – torniamo a parlare di una storia di cui nessuno vuol sentire dire nulla. C’è un silenzio incredibile”.

Articolo precedenteAl Teatro dei Rinnovati “Le interviste impossibili”, il ricavato per sostenere gli studi di una ragazza afghana
Articolo successivoDue – la nostra storia, Raf e Umberto Tozzi in concerto al Teatro Verdi