Home Cronaca Coronavirus in Toscana. Salgono a 6 i contagiati, nel senese e nel...

Coronavirus in Toscana. Salgono a 6 i contagiati, nel senese e nel lucchese 2 nuovi casi

673
0
SHARE

Salgono a 6 i casi di persone positive al Coronavirus in attesa di validazione da parte dell’Istituto superiore di sanità. Lo rende noto la Regione Toscana.

22enne ricoverato a Siena Oltre ai 3 casi di Firenze e a quello di Pescia, oggi si registrano due nuovi casi: uno nel senese e l’altro nel lucchese. Nel senese si tratta di un 22enne, giocatore della Pianese, squadra che milita nel campionato di calcio di serie C, che sabato scorso ha accusato i primi malesseri in albergo ad Alessandria, spiega una nota, dove si trovava in ritiro con la squadra, con cui il giorno successivo avrebbe dovuto giocare. Non ha giocato perché la mattina la febbre è salita. La squadra è rientrata nel senese, mentre lui è rientrato autonomamente a casa. Mercoledì mattina gli è stato fatto il tampone a domicilio, che durante la notte ha dato un primo esito positivo. Dalle prime ore di stamattina è ricoverato all’ospedale delle Scotte, a Siena, in isolamento. È in buone condizioni di salute. Gli stessi malesseri sarebbero stati accusati qualche giorno prima da un secondo giocatore della squadra, che l’autorità sanitaria sta rintracciando.

44enne lucchese in isolamento domiciliare Il 44enne che risiede nel lucchese, invece, lavora a Vo Euganeo, in un birrificio, ora chiuso a seguito delle misure prese dalla Regione Veneto. Vive da solo, ha passato il fine settimana con il figlio, ora in isolamento domiciliare fiduciario. L’uomo ha avuto i primi sintomi lunedì, poi con l’arrivo della febbre alta ha avvisato la Asl, che gli ha fatto il tampone a domicilio, risultato positivo. L’uomo è in isolamento domiciliare fiduciario. È in buone condizioni di salute e non ha necessità di ricovero. Per entrambi i casi sono in corso accurate indagini epidemiologiche su tutti i contatti. Salgono così a sei i casi di Coronavirus in Toscana, quattro dei quali devono ancora essere validati dall’Istituto superiore di sanità.