Home Cultura Ponti di dialogo. E’ Firenze la città capofila della Giornata europea della...

Ponti di dialogo. E’ Firenze la città capofila della Giornata europea della cultura ebraica

687
0
SHARE

sinagoga_firenzeSarà Firenze ad aprire il 6 settembre i programmi della 16esima Giornata europea della cultura ebraica. L’evento, nato con lo scopo di far conoscere e diffondere la cultura e le tradizioni ebraiche, vedrà il capoluogo toscano capofila nazionale di un calendario di appuntamenti che si articolerà in 72 città italiane e che comprende 32 Paesi europei. Un omaggio alla città che celebra quest’anno i 150 anni di Firenze Capitale d’Italia e il 70esimo anniversario della sua Liberazione dal nazifascismo.

«Riconoscimento dell’esempio virtuoso che la nostra città rappresenta» «Essere città capofila nazionale della Giornata europea della cultura ebraica è per noi occasione per creare nuovi ponti – dichiara Sara Cividalli, presidente della Comunità ebraica di Firenze –. La scelta di Firenze è per noi motivo di orgoglio, un riconoscimento di quanto la nostra Comunità si sia impegnata nel creare ponti e nel fortificare quelli già esistenti, un riconoscimento dell’esempio virtuoso che la nostra città rappresenta». «Quello ebraico è un patrimonio di grande interesse culturale, storico, archeologico, architettonico e artistico, non sempre conosciuto e valorizzato, ma che è parte integrante della storia d’Italia e d’Europa – afferma il Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Renzo Gattegna – La Giornata sarà una occasione per scoprire, grazie a ‘ponti ideali’ che saranno presenti in tutto il continente, un assaggio di una cultura antica e aperta al mondo, orgogliosa della propria identità e desiderosa di farsi conoscere».

Ponti e attraversamenti  Il tema della Giornata di quest’anno sarà “Ponti e attraversamenti” e mira a creare collegamenti con le altre culture e fedi religiose. A Firenze in programma la cerimonia di inaugurazione con i vertici nazionali dell’ Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (Ucei), convegni, presentazioni e incontri, visite guidate, lavoratori per bambini e appuntamenti del gusto. A conclusione il concerto del gruppo femminile A-WA, israeliane di origini yemenite, per la prima volta in Italia. Tra gli ospiti lo chef Moshe Basson, Riccardo Calimani, Joseph Weiler, gli scrittori Gyorgy Konrad, Assaf Gavron e Giacoma Limentani. La Giornata gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica ed è patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dal Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani. La manifestazione è inoltre riconosciuta dal Consiglio d’Europa.

Dove si celebra la Giornata in Italia e in Europa In Italia le 72 località che aderiscono in Italia all’edizione 2015 sono: Calabria: Bova Marina, Cosenza, Reggio Calabria, Santa Maria del Cedro, Vibo Valentia – Campania: Napoli – Emilia Romagna: Bologna, Carpi, Cento, Correggio, Cortemaggiore, Ferrara, Finale Emilia, Fiorenzuola d’Arda, Lugo di Romagna, Modena, Parma, Reggio Emilia, Soragna – Friuli Venezia Giulia: Gorizia, Trieste, Udine – Lazio: Ferentino, Fiuggi, Fondi, Roma – Liguria: Genova – Lombardia: Bozzolo, Mantova, Milano, Ostiano, Pomponesco, Sabbioneta, Soncino, Viadana – Marche: Ancona, Pesaro, Senigallia, Urbino – Piemonte: Acqui Terme, Asti, Biella, Carmagnola, Casale Monferrato, Cherasco, Chieri, Cuneo, Ivrea, Moncalvo, Mondovì, Saluzzo, Torino, Trino Vercellese, Vercelli – Puglia: Brindisi, San Nicandro Garganico, Trani – Sicilia: Agira, Palermo, Siracusa – Toscana: Firenze, Livorno, Monte San Savino, Pisa, Pitigliano, Siena, Viareggio – Trentino Alto Adige: Merano – Veneto: Padova, Venezia, Verona, Vicenza. I 32 Paesi europei che aderiscono sono: Austria, Belgio, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Macedonia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria.

Balagan Café Intanto a Firenze proseguono gli appuntamenti culturali con il “Balagan Café”, che per tutta l’estate anima le notti fiorentine. Prossimo appuntamento giovedì giovedì 30 luglio con un ospite d’eccezione, il trombettista americano Frank London. Programma completo e info su www.balagancafe.it

 Info: sinagoga.firenze@coopculture.it Telefono 055 2346654 o 055 2466089