Home Cronaca Lucchini, il presidente indiano di Jws ha incontrato Renzi, offerta vincolante entro...

Lucchini, il presidente indiano di Jws ha incontrato Renzi, offerta vincolante entro il 5 luglio

350
0
SHARE
Il 26 aprile l'ultima colata dell'altoforno Lucchini

lucchiniLa scorsa settimana era data come l’offerta più concreta. Oggi si apprende che il presidente del gruppo indiano dell’acciaio Jws, Sajjan Jindal, interessato a presentare un’offerta per la Lucchini ha visto nei giorni scorsi il premier Matteo Renzi e il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. La notizia, diffusa stamani dalla cronaca locale della Repubblica è stata confermata da fonti della Regione Toscana.

Offerta entro il 5 luglio Rossi avrebbe visto Jindal in due diverse occasioni, prima insieme al premier, e poi in un nuovo incontro. Il gruppo Jws ha mostrato fattivamente un interessamento per la Lucchini come dimostrato anche dalle diverse viste fatte a Piombino. L’offerta vincolante che dovrebbe riguardare il laminatoio e l’impianto marittimo dovrebbe arrivare entro il 5 luglio, dopo lo slittamento dei termini.

Quale futuro per l’area fusoria? Resta però da capire il futuro dell’area fusoria. E’ su quest’ultimo aspetto che i sindacati continuano a chiedere garanzie al ministero dello Sviluppo economico. «Abbiamo chiesto un incontro al ministero prima del 5 luglio per avere garanzie sul futuro della produzione dell’acciaio e il rispetto dell’accordo di programma» ha spiegato il segretario Fiom Luciano Gabrielli evidenziando la preoccupazione per i livelli occupazionali. L’assessore toscano alle attività produttive Gianfranco Simoncini, secondo quanto si è appreso, sarà presente ad un incontro al Comune di Piombino con i sindacati e i rappresentanti di tutte le categorie economiche per fare il punto sulla qualificazione del polo industriale di Piombino. La riunione è fissata per il 25 giugno prossimo.